Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

Bronislawa Wajs, detta Papuzsa.




Bronislawa Wajs, detta  Papuzsa.

“La mia canzone è silenziosa come una lacrima.

 Io canto a me stessa, non a qualcuno”.  


Bronislawa Wajs, detta  Papuzsa, nata  forse nel 1910 (non si sa di preciso, perché il padre, sconosciuto, e la madre, zingara galiziana, non calendarizzarono la nascita),  cresce e vive a contatto diretto con la natura,  conosce il potere magico delle erbe, balla,  canta:   


“Zingarella povera, giovane,

bella come un mirtillo,

denti bianchi come perle,

occhi brillanti come l’oro vero.

Gli orecchini fatti di foglie, eccoli

Come oro genuino son belli”

(frammento di “Orecchino di foglia”).




...zingarella ...

 Autodidatta, impara da sola a leggere ed a scrivere. Poi inizia a scrivere poesie, intrise di innocenza e spontanea freschezza dentro uno stile aspro ed asciutto.  Conosce J. Ficowski  e J. Tuwim, grandi poeti polacchi, che promuovono  la pubblicazione delle sue poesie. La sua esistenza è devastata dalla  persecuzione nazista e dalla strage degli zingari: fame cronica,  notti all’addiaccio, malattie ,  sofferenze,  morte delle persone care ….
... soggetto cinematografico ...

Dopo il massacro nazista subentra il regime comunista ed iniziano nuove persecuzioni.  Non potendo avere figli, adotta un bambino zingaro. Considerata dagli stessi zingari  traditrice dei loro segreti, fugge con figlio e marito, ma per tutta la vita le persecuzioni continueranno, minandole la salute. Muore l’8 febbraio 1987.  I suoi scritti  sono  riscoperti e diffusi a partire dal 2013.
Serenità, pace, meraviglia di fronte allo spettacolo del creato: è quanto traspira dalle sue poesie, sempre profondamente legate alla sua identità di zingara. 
... e bibliografico ...

Ogni volta che qualcuno la cercava, considerandola “importante”, ella si stupiva:

“Son venuti a parlare con me? Ci sono poeti, ci sono poesie belle, favole meravigliose, ma io sono niente. Non possiedo nessuna istruzione, nessuna scuola. Cosa può dire una vecchia Zingara che assomiglia ad un porcino dimenticato nel bosco di autunno? Sono una ragazza povera, vivo sotto il cespuglio. Nervosa, ho un’anima piccolissima.[…] Le mie non sono poesie. Canzoni. Le poesie son roba diversa. Ci vogliono le rime, la canzone è semplice. La canzone è inferiore. E la poesia  è in alto, ci vuole gente istruita. Ci vuole l’università ed io non ho finito neanche una classe. Non posso scrivere poesie”.

Questa l’”anima piccolissima” di Papusza, che ha espresso una grande poesia con commovente passione e tenera partecipazione, senza mai dimenticare né le sofferenze del suo popolo né l’amore per la vita e per il creato..


“Dopo molti anni,

ma forse molto prima, tra poco,

le tue mani troveranno la mia canzone.

Da dove è venuta?

Nel giorno o nel sonno?

E mi ricorderai, mi penserai –

era una favola

o vero era?

E ti scorderai

delle mie canzoni

e di tutto”

(“Canzone”)


Tutte le citazioni provengono da Papusza di Angelika Kuźniak (ed. Czarne, Wołowiec 2013), che ha il merito della sua riscoperta.  Le poesie provengono dalla raccolta Lesie, ojcze mój [Bosco, padre mio] di Papusza (ed. Nisza, Warszawa 2013).



 


Chi desidera intervenire può consultare il post del 22/10/13 oppure semplicemente andare qui sotto su "commenta come", nel menù a tendina selezionare "nome/URL", inserire solo nome e cognome e cliccare su continua. Quindi può scrivere il proprio contributo sul quale rimarrà il suo nome ed eventualmente, se lo ritiene opportuno, può lasciare la sua mail.  

Nessun commento:

Posta un commento